Domani i colleghi del  Maggio musicale fiorentino faranno uno sciopero di 4 ore e presidio: la protesta è legata al licenziamento di 28 addetti del teatro, per i quali è prevista la riassunzione in Ales (società del ministero dei Beni Culturali).

Le iniziative sono in programma domani mattina: Cgil, Cisl e Fials hanno indetto 4 ore di astensione dal lavoro per i lavoratori del Maggio musicale fiorentino , in modo da consentire l’organizzazione di un sit in di protesta di fronte alla sede dell’ufficio vertenze lavoro della Regione Toscana a Firenze, contro il licenziamento – sebbene accompagnato da riassunzione in Ales – per 28 addetti del teatro.

“Pur non comprendendo e non condividendo in nessuna maniera l’apertura della procedura di licenziamento collettivo avviata dalla fondazione – scrivono le sigle – ci siamo dichiarati disponibili a chiudere la procedura esclusivamente attraverso uscite volontarie (accordi transattivi di non opposizione ai licenziamenti) e pensionamenti certificati. Tutto ciò unicamente per atto di respoinsabilità nei confronti della Fondazione stessa. Auspichiamo dunque un tavolo dove ragionevolezza e responsabilità siano la guida per l’appianamento della vertenza attraverso l’accoglimento di quanto richiesto; e facciamo appello alle istituzioni affinché si facciano parte attiva nella risoluzione della vertenza” concludono i sindacati.

FONTE: http://www.controradio.it 



Lascia un commento

Codice di sicurezza: